Jump to content

Ciao Tomizawa


zorro76

Recommended Posts

La piu' tragica delle fatalita'......e' scivolato nel posto sbagliato al momento sbagliato...a differenza di Kato dove ci furono palesi responsabilita' della sicurezza di pista,in questo caso la sfiga e' stata l unica responsabile....il piu' classico dei incidenti...la causa principale di feriti e spesso morte nelle piste libere ai piloti privati..!! R.I. :oops: P

Link to comment
Share on other sites

Bruttissimo incidente, tremendo. Tuttavia qui veramente il fato o sfiga come volete, ci ha messo tutto di suo. Classico es. che quando è la tua

ora non ce ne per nessuno. E' un miracolo che gli altri due non si sono fatti quasi niente. Han fatto tutti e due un volo tremendo. Potevano esserci 3 morti in un colpo solo....

Link to comment
Share on other sites

:cry:

 

Il 6 aprile 2003 durante la gara inaugurale della MotoGP sul circuito di Suzuka, Daijiro Kato dopo 3 giri perse il controllo della sua moto e picchiò violentemente sbattendo la testa, il collo e la cassa toracica sul muro poche decine di metri prima della chicane ad una velocità di circa 140 km/h. La colpa del decesso cadde quasi completamente sul circuito, ritenuto troppo pericoloso per le moto, e sui suoi addetti alla sicurezza, giudicati troppo affrettati nel rimuovere il pilota - che si trovava sulla pista con un sospetto infortunio al collo - compromettendo la situazione. Inoltre, poiché il pilota era esanime a bordo pista, sarebbe stato logico aver esposto la bandiera rossa fermando la gara: ciò non avvenne. Dopo l'incidente, la MotoGP non è più tornata a correre sul circuito giapponese. A parte la dinamica dell'incidente, alcune questioni sembrano analoghe: bandiera rossa si o no :?: rianimazione in pista o dietro il muretto :?: il circuito è pericoloso :?:

 

Tutte le testate giornalistiche, i media, il web ricordano che quello fu l'ultimo incidente mortale. E' vero solo se consideriamo i campionati mondiali dei professionisti della massima serie. Ma, purtroppo, se si analizzano gli svariati campionati locali, monomarche, piccoli eventi e giri liberi amatoriali che si svolgono quasi tutti i giorni sulle decine di tracciati di tutto il mondo il triste conteggio è ben più pesante :!: Ricordo che, solo pochi mesi fa, morirono due piloti amatoriali sul circuito di Imola a poche settimane uno dall'altro. E' comprensibile che si parli della tragedia solo quando essa travolge un pilota professionista durante una gara del mondiale in diretta TV; è altrettanto utile perchè così si continuerà a lavorare per garantire una sempre maggiore efficacia delle misure e procedure di sicurezza dei tracciati, delle tute, dei caschi, ecc. ecc.

La nostra passione è rivolta ad uno sport che implica questo grado di rischio, come per tanti altri sport pericolosi/estremi. E stiamo parlando di pista, cioè del luogo più sicuro dove sfogare la nostra passione :!:

 

Spero, ma ne dubito fortemente, che le stesse misure e procedure di sicurezza vengano adottate in ogni occasione nella quale dei piloti/motociclisti girino in pista ... anche perchè Giovedì giro proprio a Misano ](*,)

Link to comment
Share on other sites

  • Recently Browsing   0 members

    • No registered users viewing this page.
×
×
  • Create New...