Jump to content

(MT-01) dischi freno flottanti


ibiza99

Recommended Posts

avete mai pensato di migliorare la vostra frenata modificando i dischi originali in dischi flottanti?! :shock:

voi direte .... :shock: :-k : e che roba è :shock: ...???!!! :!: :?:

 

I dischi flottanti sono dei dischi che non sono connessi rigidamente al mozzo ma "fluttuano/galleggiano"....... :-s Invece di avere dei perni fissi presentano dei nottolini che permettono loro un poco di gioco "assiale" rispetto all'insieme mozzo/cerchio. Questo permette di assorbire gran parte dello stress *torsionale* cui è sottoposto il disco in frenata. Fondamentalmente un disco deve essere il più piano possibile, ma le torsioni e la dilatazione del metallo dovuta al riscaldamento per attrito creano delle ondulazioni ( piccolissime s'intende) che usurano in maniera irregolare disco e pastiglie oltre a diminuire la capacità di frenata perchè diminuiscono la superficie di contatto tra i due materiali d'attrito.

quì trovate il kit per farveli Nottolini flottanti in acciaio per dischi freno

http://www.euro-racing.it/Item.aspx?id=622

s75312uu8.th.jpg.....homeei2.th.jpg

 

Qual è la differenza tra disco freno fisso e disco freno flottante?

Il disco flottante rappresenta un grande passo nell'evoluzione dei sistemi frenanti motociclistici. L'esigenza di "svincolare" il disco del freno dal suo supporto nasce dal forte riscaldamento a cui esso è sottoposto nelle violente staccate, tipiche dell'impiego agonistico. La struttura del disco, di piccolo spessore per contenerne il peso ma di superficie estesa, è particolarmente sensibile alla dilatazione termica: forti riscaldamenti causano infatti notevoli deformazioni in senso radiale ed assiale (cioè parallelamente all'asse della ruota) che, amplificate dalla dinamica della veloce rotazione (sfarfallamento), creano notevoli scompensi nella meccanica della frenata. Le pastiglie, e dunque i pistoncini, vengono respinte dentro alla pinza e la frenata perde efficenza. Si risolve concedendo al disco una piccola di possilità di assestamento, in modo che sia "libero" di deformarsi senza nuocere alla frenata. In pratica vengono frapposti tra il disco e la sua flangia (che lo collega al mozzo ruota) una serie di nottolini cilindrici che ne permettono piccoli movimenti in senso assiale. Ducati, che utilizza su tutta la gamma dischi flottanti, applica da qualche anno una soluzione che ne neutralizza la tipica rumorosità: ogni nottolino è dotato di una molla di recupero del gioco. L'alternativa, meno diffusa, al disco flottante è la pinza flottante

 

quì si trovano i dischi per L'R1 del 04/06 che sono uguale hai nostri da 32 ...

http://www.alth.it/catalogo.asp?content ... dicodice=2

 

quì trovate questa ditta che fa una cosa assurda : scrive il vostro nome nei dischi della moto figoooooooooo :shock:

http://www.clfparts.it/home.htm disconamegm9.th.jpg

 

nb... per fare questa modifica serve moolta professionalita ed una pressa perchè è una modifica che non accetta errori ..se sbagli son c@@@i..... ;-)

Link to comment
Share on other sites

i flottanti per un usu stradale sono forse un pò troppo liberi di muoversi e rumorosi...

i nostri son già semiflottanti con la molletta solo dalla parte interna dei nottolini,

i Braking "standrad" ad esempio sono tutti semiflottanti ed a richiesta flottanti

Link to comment
Share on other sites

I freni flottanti NON sono omologati per uso stradale e se fai un incidente magari l'assicurazione non paga, anche se hai ragione. Pensateci gente, che con queste cose non si scherza... Se poi in tanti lo fanno non viuol dire che sia impossibile. Anche nella roulette russa c'è chi se la cava, tuttavia qualche dubbio l'avrei sull'opportunità di parteciparvi.

Fermo restando che quanto scrive Ibiza è tecnicamente ineccepibile.

Link to comment
Share on other sites

  • Recently Browsing   0 members

    • No registered users viewing this page.
×
×
  • Create New...