Jump to content

Il mio sogno di gioventù.


gerribs

Recommended Posts

Sulla rivista Motociclismo del Novembre 1970 c'era la prova di una moto che ha costituito per anni il mio sogno di motociclista in erba. A quel tempo avevo 16 anni e viaggiavo ancora con il 50ino, anche se rigorosamente modificato esteticamente e potenziato - certi virus, si sa, si prendono fin da giovani. La lettura di quella prova scatenò in me un desiderio di V-twin che nemmeno in età matura trovò soddisfazione, nonostante la disponibilità di qualche soldino in più di allora e un ampio catalogo di modelli Harley Davidson disponibile in Italia (che mi piacciono poco per guidabilità).

Solo l'MT-01 ha poi potuto, anche se non completamente, coronare quel mio sogno giovanile. Mi resta infatti non sazia quella voglia di una moto come l'MT-01 con 70 kili in meno di stazza.

Quella meraviglia di moto era l'Egli Vincent Lightning 1000, della quale ho farneticato anche sabato 5 aprile, in occasione del pranzo durante il giringiro sui monti veneto-trentini. Il parlarne ha risvegliato in me la voglia di rileggere quella prova, che ho prontamente ordinato tramite l'eccellente servizio on-line messo a disposizione dall'editore di Motociclismo: con soli 4 euro si può avere in formato pdf la prova di qualsiasi moto testata dal 1961 ad oggi.

 

E con piacere la metto a disposizione di chi volesse leggerla (si scarica come pdf, pesa 2MB): http://www.mt-01.net/get.php?file=_Egli%20Vincent%201000%2011_70.pdf

 

Ai più giovani leggere il testo e soprattutto guardare le immagini farà sorridere, ma mi permetto un'osservazione al riguardo: se le moto di adesso sono come sono è perché allora erano fatte così, per quei tempi all'avanguardia. Buona lettura.

Link to comment
Share on other sites

bello lo spaccato del motore...... notavo che la struttura interna del motore è quasi uguale al cuore del nostro orco.... dove in comune c'è l'attacco dei pistoni sullo stesso gomito dell'albero motore...il sistema alzavalvole per facilitare l'avviamento del motore( senò avremmo bruciato un motorino di avviamento al giorno) ...... aste e bilancieri per aprire e chiudere le valvole......belloooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooo :-D

Link to comment
Share on other sites

Non bisogna dimenticare che dall'invenzione del motore a scoppio fino alla seconda guerra mondiale è stato inventato di tutto e di più.

Oggi si applicano i brevetti acquisiti all'epoca applicando solo limitate migliorie e sopratutto materiali nuovi e più resistenti.

Basti pensare alla famosa Honda NSR 750 con motore a 4 cilindri a V con pistoni ovali e 8 valvole per cilindro commercializzata nel 1992 al prezzo

di 95 milioni delle vecchie lire.

Benchè derivasse dalla moto 500 che correva nella classe regina qualche anno prima, peraltro con scarsi risultati, il brevetto dei pistoni ovali risaliva a 40 anni prima!

(E che dire del motore DKW "monocilindrico" 2 tempi con 2 pistoni contrapposti e camera di scoppio in comune???????)

 

Per la verità, penso che attualmente la tecnica motoristica sia ad un punto di stallo.

Di nuovo, sempre parlando solo ed esclusivamente di motori, c'è solo l'applicazione dell'elettronica.

 

Cinquant'anni fa e più, guidare una Vincent Black Shadow che toccava quasi i 200 è paragonabile al guidare oggi una moto che tocca i 400km all'ora.

 

Morale, secondo me, a parte i notevoli miglioramenti alle ciclistiche, ai pneumatici ed all'estetica, non c'è più nulla di veramente innovativo.

 

Colgo l'occasione per suggerire di organizzare insieme un giretto in quel di Verona per visitare il museo Nicolis dove sono esposte molte pietre miliari che hanno fatto la storia del motociclismo. (Anche durante il ns. raduno)

Sarebbe una bella occasione per tutti di farsi un pò di cultura storica sulle moto e di rimanere a bocca aperta nel vedere cosa cavolo si inventavano all'epoca dei nostri nonni e bisnonni (senza l'ausilo dei computer).

Link to comment
Share on other sites

chi sa forse un giorno vedremo montato un motore rotativo nelle moto come quello che monta la mazda rx8 1200 cc da 255 cavalli dove ha un reggime di rotazzione vicino i 10.000 giri ...hihihihihi infatti è l'unica macchina che ha il suono del motore simile a quello di una R1 ....... il motore è WANKEL ed è senza pistoni , bielle , e albero motore.......... siete curiosi veroooooooooooooooooo :smt003 :smt003

vi do il sito dove vedere il funzionamento di questo motore montato nelle vetture della MAZDA (NON TUTTE LO MONTANO !!)..... http://www.alfonsomartone.itb.it/vglavh.html

Link to comment
Share on other sites

chi sa forse un giorno vedremo montato un motore rotativo nelle moto come quello che monta la mazda rx8 1200 cc da 255 cavalli dove ha un reggime di rotazzione vicino i 10.000 giri ...hihihihihi infatti è l'unica macchina che ha il suono del motore simile a quello di una R1 ....... il motore è WANKEL ed è senza pistoni , bielle , e albero motore.......... siete curiosi veroooooooooooooooooo :smt003 :smt003

vi do il sito dove vedere il funzionamento di questo motore montato nelle vetture della MAZDA (NON TUTTE LO MONTANO !!)..... http://www.alfonsomartone.itb.it/vglavh.html

 

Caro Ibi,

quel giorno è già trascorso da 10 o 15 anni!!!!!!!!!!!!

:-D :-D :-D :-D :-D :-D :-D :-D :-D :-D :-D :-D

 

Infatti il motore Wankel è già stato montato su una moto!!!!!

 

Se non ricordo male, tale moto aveva sul serbatoio nientepopòdimeno che il nome Norton!!!!!!

Era stato un flebile tentativo di rilancio della famosa marca.

:smt006

Link to comment
Share on other sites

  • Recently Browsing   0 members

    • No registered users viewing this page.
×
×
  • Create New...