Jump to content

chiedo aiuto!


Nic
 Share

Recommended Posts

Scusate, ma sono giorni che cerco le risposte ai miei problemi negli argomenti, ma anche se le trovo non sono ancora riuscito a capire alcune cose..

sarei grato se qualcuno mi aiutasse..

ora il mio problema e' principalmente uno, molto banale e ve lo spiego con parole povere:

vorrei cambiare il portatarga con un qualsiasi altro un po iu snello e corto (non un codino).

pero' al momento non posso permettermi di cambiare gli scarichi, quindi se ho capito bene non posso togliere la ventola..

come faccio? ci sara' pure una soluzione. scusate ma vi assicuro che se vi scrivo non e' per pigrizia ma perche' proprio non ci ho capito niente..

Spero di trovare qualcosa!

dove l'ho presa (concessionario yamaha) alla mia domanda se c'era una soluzione per cambiare il portatarga mi hanno risposto: "be dai alla fine non e' cosi brutto quello originale(e fin qui niente da dire), poi al massimo lo accorci un po col flessibile" :shock: !!! e mi hanno detto che non ne esistevano altri!

quindi chiedo a voi che ne sapete senz altro di piu!

grazie e scusate se sono il duecentesimo che vi fa questa domanda! ma non ci capico molto!

ciao!!! :)

Link to comment
Share on other sites

a parte il fatto che c'è tutta una sezione dove se ne parla ampiamente, comunque è molto riduttivo quello che ti ha detto il conce.

Se togli il portatarga originale vedrai che tutto il resto(fanale e frecce a parte) è a posto , ventolone compreso.A quel punto scegli la soluzione che ti piace di più, vai a leggerti la sezione dedicata , ci sono molte foto ed è spigato tutto benissimo

Link to comment
Share on other sites

elimina i catalizzatori dagli originali e la ventolaccia ed hai risolto il problema...

 

il problema non è risolto...!!!

quello che chiamate catalizzatore non è altro ( secondo me ) che un frangifiamma ( una spece di deviatore di flusso di scarico ) che dirotta verso le pareti lo scarico invece che farlo uscire direttamente verso l'uscita... qualcuno di recente ha fatto testare i gas di scarico dello stage1 senza il " catalizzatore " è la moto è risultata in ordine anche con le emissioni pertanto quello che chiamate catalizzatore non è altro che un deviatore anche perchè i catalizzatori veri e propri hanno una struttura spugnosa e non a nido d'ape con celle larghe 3 millimetri che non trattiene un bel nulla e per avere l'azione di catalizzatore bisogna raggiungere temperature di 700 gradi ( premetto che i catalizzatori incominciano a funzionare da temperature di 250 gradi pertanto per motivi ovvi non sono possibili le istallazioni su motoveicoli.....

seconda cosa le alte temperature raggiunte dagli scarichi originali ( anch'essi fatti in titanio ) è dovuto al percorso che devono fare i gas di scarico come da foto

39748mu9.th.jpg

una cosa è far uscire subito i gas di scarico così da mantenere le temperature basse un'altra è farli convogliare all'interno su diverse camere per poi uscire ( quì le temperature incrementano parecchio )

sempre secondo me !!!!!

Link to comment
Share on other sites

Ho capito che c'e' una sezione dove se ne parla ampiamente, ma in quella sezione c'e' scritto che se mantengo gli scarichi originali devo mantenere la ventola e quindi posso montare solo codini e non un portatarga normale..

chiedevo appunto se per caso conoscete altre soluzioni che permettano il montaggio di un portatarga con o senza ventola mantenendo gli scarichi originali..

tipo vuotando questi ultimi secondo voi la temperatura che raggiungerebbero senza ventola comprometterebbe l elettronica?

perche' cm ha detto superbiker magari li vuoto(sempre che sia possibile), poi tolgo la ventola e mi compro uno dei bei portatarga della lista che ha fatto il Capo e cheho letto e riletto mille volte!

intanto grazie mille, accetto tutti i pareri! :)

Link to comment
Share on other sites

svuotare i terminali originali non é così semplice come sembra, cerca bene qualcuno ci ha già provato tribolando non poco.

Ricorda poi che i terminali costano un botto e se per caso ti ritrovassi nella situazione di dover riportare tutto allo stato originale sono dolori!

Secondo me la soluzione più bella con gli scarichi originali è quella proposta da GSG http://www.gsg-mototechnik.de/09y-mt01/mt01.htm (certo non economica ), anche perché mi sbaglio o togliendo la ventola con il sottosella originale rimangono i buchi ?

Link to comment
Share on other sites

Brontolo ha modificato gli scarichi originali ed è venuto un bel lavoro con poca spesa. Ovviamente prima ha comprato due scarichi di seconda mano pagandoli molto poco, in questo ha ragione il saggio Billy. Certo che gli akra fanno tutta un'altra figura, ma a che prezzo?

Link to comment
Share on other sites

elimina i catalizzatori dagli originali e la ventolaccia ed hai risolto il problema...

 

il problema non è risolto...!!!

quello che chiamate catalizzatore non è altro ( secondo me ) che un frangifiamma ( una spece di deviatore di flusso di scarico ) che dirotta verso le pareti lo scarico invece che farlo uscire direttamente verso l'uscita... qualcuno di recente ha fatto testare i gas di scarico dello stage1 senza il " catalizzatore " è la moto è risultata in ordine anche con le emissioni pertanto quello che chiamate catalizzatore non è altro che un deviatore anche perchè i catalizzatori veri e propri hanno una struttura spugnosa e non a nido d'ape con celle larghe 3 millimetri che non trattiene un bel nulla e per avere l'azione di catalizzatore bisogna raggiungere temperature di 700 gradi ( premetto che i catalizzatori incominciano a funzionare da temperature di 250 gradi pertanto per motivi ovvi non sono possibili le istallazioni su motoveicoli.....

seconda cosa le alte temperature raggiunte dagli scarichi originali ( anch'essi fatti in titanio ) è dovuto al percorso che devono fare i gas di scarico come da foto

39748mu9.th.jpg

una cosa è far uscire subito i gas di scarico così da mantenere le temperature basse un'altra è farli convogliare all'interno su diverse camere per poi uscire ( quì le temperature incrementano parecchio )

sempre secondo me !!!!!

 

ma va è un catalizzatore... è lui che scalda! per farti un'esempio sulle Ducati 1098 nei silenziatori originali c'è la stessa struttura a nido d'ape solo che a valle (in uscita) non ci sono ulteriori paratie e nei lanci al banco o di notte vedi il materiale rosso incandescente!

Link to comment
Share on other sites

si è da quand'è che si vede attraverso i catalizzatori ??? i catalizzatori veri sono quelli che hanno le vetture e sono in materiale spugnoso con tanti micro fori trattai con materiali nobili come il tallio ...molibdeno etc etc... mentre quelli delle moto sono solo dei deviatori di flusso che spingono e costringono a far depositare le inpurita prima sui bordi dello scarico e poi sul resto riducendo lo schifo che viene proiettato fuori...le celle sono così grosse e larghe che se le guardi ci vedi attraverso perchè hanno un diametro interno che arriva a 4 millimetri e pertanto non trattengono e non catalizzano nulla ma deviano sui lati il flusso d'aria dello scarico ....hai mai visto un catalizzatore di una moto...??'

nelle vetture mediamente un catalizzatore alla velocità di 60km/h raggiunge dai 560 gradi ai 740 ... lo so perchè quando facciamo la pulizzia dei catalizzatori nelle AUDI il compiuter ci da queste informazioni tramite le sonde :mrgreen: .... e siccome le moto hanno lo stesso motore di una vettura ( certo strutturato diversamente ) sai cosa significherebbe raggiungere tali temperature ??? ustioni gravi ad ogni uscita ..... !!!

Link to comment
Share on other sites

 Share

  • Recently Browsing   0 members

    • No registered users viewing this page.
×
×
  • Create New...